Notice: Undefined variable: gg_map_api in /home/websites/portalegrecia.com/www/vacanze-grecia.php on line 44 PORTALE GRECIA
Portale Grecia

ANNUNCI

    Spazio pubblicitario
Traduzione di testo in 75 lingue, con un solo clic!

 


© 2006-2010
PORTALE GRECIA
Turismo e vacanze in Grecia
 
 
 
 
Portale Grecia
il portale sulla Grecia: lingua, storia, cultura, vacanze, turismo, informazioni!
 

Ràmnus


Denominazione:
In italiano: Rhamnus
In greco: Ραμνούς, ΡΑΜΝΟΥΣ
Trascrizione italiana: Rhàmnous

Ramnus è un sito archeologico situato sulla costa dell'Attica nelle vicinanze di Maratona.

Il sito conserva le vestigia di una fortezza e di molti santuari dell'epoca classica. Una guarnigione ateniese era era di stanza permanente sulla collina per sorvegliare la navigazione.

La fortificazione racchiudeva il piccolo teatro, il ginnasio, un piccolo santuario Dioniso e un certo numero di altri edifici pubblici e delle abitazioni. L'antica strada passava tra enormi monumenti funerari e terminava alla porta della fortezza.

All'inizio del V secolo a.C. fu costruito a sud il santuario di Nemesi. Il vasto tempio era un esastilo dorico. All'interno la statua di Nemesi era posta su una base decorata da bassorilievi con l'altare di fronte.

La leggenda dice che prima della battaglia di Maratona i persiani portarono con essi un enorme blocco di marmo per erigere un memoriale della loro vittoria che essi davano per certa.

Ciò nonostante, i Greci vinsero la famosa battaglia nel 490 a.C.; allora Agoracrito, un allievo di Fidia, scolpì la statua di Nemesi utilizzando questo grande blocco di marmo che fu poi eretta a Ramnus.

Troviamoanche un tempio a Themis, personificazione della giustizia e dell'equità; la sua statua, opera dello scultore locale Cherestrate, è rimasta intatta.

Un altro santuario più piccolo era dedicato in origine all'eroe guerriero Aristomaco ma il suo culto fu soppiantato nel V secolo a.C. dal culto del più conosciuto Amfiarao che era venerato a Oropos e che aveva gli stessi attributi. Quando il Cristianesimo divenne predominante, fu dato l'ordine di distruggere il tempio nel 399 d.C., ma i resti del santuario e della fortezza non sono mai stati completamente seppelliti e quindi restano visibili.

Loading...
Pagina provvisoria



Spazio pubblicitario